STRAGENOVA DEL CUORE

Il mondo della corsa è stato chiamato a dimostrare la forza in un frangente della vita cittadina difficile, Il crollo del ponte autostradale Morandi con le 43 vittime sono un colpo durissimo alla città. L'iniziativa de Il Secolo XIX di fare una corsa di 6 km, sulla nuova strada che consentirà al traffico dei mezzi pesanti di non intralciare quello cittadino, è il modo di dimostrare la solidarietà e attaccamento alla città, infatti il ricavato andrà tutto in beneficenza. La partenza era sotto al monumento simbolo di Genova nel mondo: la sua Lanterna, superba e imponente porta con se la croce di San Giorgio simbolo riportato e ben visibile sulle nostre maglie. La società ha risposto alla "chiamata" con una decina di soci, non era una gara agonistica quindi non c'è una classifica, tutti, da chi camminava a chi correva uniti per la propria città. La freccia José ha corso spingendo il passeggino di suo figlio, proprio Lui che è stato colpito in prima persona dalle conseguenze del crollo, visto che la sua famiglia è tra quelle sfollate.

Altre frecce hanno gareggiato in altre città ma comunque tutte hanno dato a noi presenti la delega morale di rappresentare la vicinanza alle vittime e il nostro Enrico donandogli una vittoria.

Luciano Sardiello